Come scegliere il cioccolato e come conservarlo al meglio?

  • Un buon cioccolato deve avere la superficie lucida, la grana fine e deve spezzarsi con un taglio netto. Una pasta non omogenea o la presenza di bolle sono indice di una cattiva lavorazione (es., temperature non adeguate).
  • Il profumo deve essere intenso e persistente; nel cioccolato al latte l’aroma di vaniglia e di latte devono prevalere su quello di cacao.
  • La qualità migliore di cioccolato è quella con un maggior contenuto di cacao, l’ingrediente di maggior pregio: controllate sempre l’elenco degli ingredienti prima dell’acquisto.
  • Il cioccolato deve essere conservato di preferenza nella sua confezione originale. In alternativa può essere avvolto in alluminio e pellicola trasparente per una sua adeguata conservazione.

Il cioccolato mantiene intatte per diversi mesi le sue caratteristiche. Per mantenerlo inalterato è bene conservarlo in luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di luce e di calore.

Se il cioccolato viene conservato ad una temperatura non adeguata può “fiorire”. L’evaporazione dell’acqua può determinare la comparsa sulla superficie del cioccolato di particelle di zucchero che rendono non omogenea la superficie. A volte, invece, può comparire sulla superficie del cioccolato una patina biancastra, dovuta all’affioramento del burro di cacao: questa patina non è nociva per la salute, ma indica che il prodotto è stato conservato in modo inadeguato e sottoposto a sbalzi di temperatura.

Una cattiva conservazione del cioccolato è segnalata anche da macchie di aspetto oleoso che compaiono sulla superficie della tavoletta. Nel caso dei cioccolatini ripieni di liquore o di creme liquorose un’esposizione prolungata al calore, anche moderato, può determinare la fuoriuscita del liquido in essi contenuto.

Nel caso di temperature particolarmente elevate o di prodotti particolarmente delicati si consiglia la conservazione refrigerata per tempi brevi, fino alla consumazione del prodotto.

Caratteristiche nutrizionali del cioccolato

Da un punto di vista nutrizionale non si può certo definire il cioccolato un alimento completo e dietetico. Una porzione di cioccolato (30 g, ossia mediamente 3-4 quadratini) forniscono circa 160 calorie. Le calorie sono più alte nel cioccolato al latte: una tavoletta di cioccolato al latte fornisce 545 kcal, mentre quelle fornite dalla stessa quantità di cioccolato nero sono 515 kcal. Più della metà di queste calorie derivano dai grassi presenti: essi rappresentano, infatti, più di 1/3 del prodotto (il tenore in grassi è più alto nel cioccolato al latte). I carboidrati presenti in una tavoletta di cioccolato sono circa il 50% e sono costituiti per la totalità da zuccheri, rappresentati nella maggior parte dei casi da saccarosio (e lattosio nel cioccolato al latte). Nel cioccolato nero più aumenta il tenore in cacao, più diminuisce il contenuto corrispondente in zuccheri: il tenore in zuccheri delle tavolette 70% è, infatti, pari a circa 30%. Il cioccolato nero, contenendo solo ingredienti di origine vegetale, non contiene colesterolo, a differenza del cioccolato al latte, una porzione del quale ne fornisce 3 mg.

Fonte: Altroconsumo


CORSI HACCP

MESSINA : 16 Giugno 2018

PALERMO : 18 Giugno 2018

NAPOLI: 30 Giugno 2018

CAGLIARI : 8 Agosto 2018

SALERNO : 13 Ottobre 2018

BARI: 27 Ottobre 2018

BOLOGNA: 10 Novembre 2018

FIRENZE: 11 Novembre 2018

ROMA: 12 Novembre 2018

MILANO: 1 Dicembre 2018

TORINO : 3 Dicembre 2018

LAMEZIA TERME: 16 Febbraio 2019

PERUGIA : 24 Marzo 2019

ANCONA : 15 Aprile 2019

MESTRE : 11 Maggio 2019

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next

Legge sui sacchetti biodegradabili

09-03-2018

Legge sui sacchetti biodegradabili

    Ecco come funziona la legge sui sacchetti biodegradabili   Dopo l’introduzione è ancora incertezza fra i consumatori sull’obbligo di usare i soli sacchetti biodegradabili a pagamento per pesare e prezzare le merci...

Read more

Prodotti alimentari, dal 5 Aprile 2018 n…

15-12-2017

Prodotti alimentari, dal 5 Aprile 2018 nell’etichetta ci sarà la sede e lo stabilimento

  Prodotti alimentari, dal 5 Aprile 2018 nell’etichetta ci sarà la sede e lo stabilimento   Dal 5 aprile 2018 sarà applicabile in Italia l'obbligo di indicare sull'etichetta dei prodotti alimentari la sede...

Read more

Quali sono le richieste delle ASL in fas…

18-10-2017

Quali sono le richieste delle ASL in fase ispettiva?

  Non è una novità il fatto che con l’entrata in vigore delle nuove normative sulla Sicurezza Alimentare, ad uno snellimento delle procedure autorizzative per l’avvio di nuove attività, siano parallelamente...

Read more

CONTROLLI UFFICIALI: IL NUOVO REGOLAMENT…

24-07-2017

CONTROLLI UFFICIALI: IL NUOVO REGOLAMENTO UE 625/17

    CONTROLLI UFFICIALI: IL NUOVO REGOLAMENTO UE 625/17   Due fondamentali regolamenti del pacchetto igiene in vigore da più di dieci anni sono stati recentemente abrogati. Si tratta dei regolamenti relativi ai controlli ufficiali...

Read more

I 10 SIMBOLI PIU’ COMUNI SULLE ETICHETTE…

29-05-2017

I 10 SIMBOLI PIU’ COMUNI SULLE ETICHETTE ALIMENTARI

  I 10 SIMBOLI PIU’ COMUNI SULLE ETICHETTE ALIMENTARI   Facciamo chiarezza riguardo ai simboli/marchi/pittogrammi che compaiono sugli imballi dei prodotti alimentari, per garantire che l’informazione che viene data al consumatore non sia fuorviante...

Read more