Come scegliere il cioccolato e come conservarlo al meglio?

  • Un buon cioccolato deve avere la superficie lucida, la grana fine e deve spezzarsi con un taglio netto. Una pasta non omogenea o la presenza di bolle sono indice di una cattiva lavorazione (es., temperature non adeguate).
  • Il profumo deve essere intenso e persistente; nel cioccolato al latte l’aroma di vaniglia e di latte devono prevalere su quello di cacao.
  • La qualità migliore di cioccolato è quella con un maggior contenuto di cacao, l’ingrediente di maggior pregio: controllate sempre l’elenco degli ingredienti prima dell’acquisto.
  • Il cioccolato deve essere conservato di preferenza nella sua confezione originale. In alternativa può essere avvolto in alluminio e pellicola trasparente per una sua adeguata conservazione.

Il cioccolato mantiene intatte per diversi mesi le sue caratteristiche. Per mantenerlo inalterato è bene conservarlo in luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di luce e di calore.

Se il cioccolato viene conservato ad una temperatura non adeguata può “fiorire”. L’evaporazione dell’acqua può determinare la comparsa sulla superficie del cioccolato di particelle di zucchero che rendono non omogenea la superficie. A volte, invece, può comparire sulla superficie del cioccolato una patina biancastra, dovuta all’affioramento del burro di cacao: questa patina non è nociva per la salute, ma indica che il prodotto è stato conservato in modo inadeguato e sottoposto a sbalzi di temperatura.

Una cattiva conservazione del cioccolato è segnalata anche da macchie di aspetto oleoso che compaiono sulla superficie della tavoletta. Nel caso dei cioccolatini ripieni di liquore o di creme liquorose un’esposizione prolungata al calore, anche moderato, può determinare la fuoriuscita del liquido in essi contenuto.

Nel caso di temperature particolarmente elevate o di prodotti particolarmente delicati si consiglia la conservazione refrigerata per tempi brevi, fino alla consumazione del prodotto.

Caratteristiche nutrizionali del cioccolato

Da un punto di vista nutrizionale non si può certo definire il cioccolato un alimento completo e dietetico. Una porzione di cioccolato (30 g, ossia mediamente 3-4 quadratini) forniscono circa 160 calorie. Le calorie sono più alte nel cioccolato al latte: una tavoletta di cioccolato al latte fornisce 545 kcal, mentre quelle fornite dalla stessa quantità di cioccolato nero sono 515 kcal. Più della metà di queste calorie derivano dai grassi presenti: essi rappresentano, infatti, più di 1/3 del prodotto (il tenore in grassi è più alto nel cioccolato al latte). I carboidrati presenti in una tavoletta di cioccolato sono circa il 50% e sono costituiti per la totalità da zuccheri, rappresentati nella maggior parte dei casi da saccarosio (e lattosio nel cioccolato al latte). Nel cioccolato nero più aumenta il tenore in cacao, più diminuisce il contenuto corrispondente in zuccheri: il tenore in zuccheri delle tavolette 70% è, infatti, pari a circa 30%. Il cioccolato nero, contenendo solo ingredienti di origine vegetale, non contiene colesterolo, a differenza del cioccolato al latte, una porzione del quale ne fornisce 3 mg.

Fonte: Altroconsumo


CORSI HACCP

BARI: 20 Ottobre 2018

BOLOGNA: 10 Novembre 2018

FIRENZE: 11 Novembre 2018

ROMA: 12 Novembre 2018

MILANO: 1 Dicembre 2018

TORINO : 3 Dicembre 2018

LAMEZIA TERME: 16 Febbraio 2019

NAPOLI: 23 FEBBRAIO 2019

PERUGIA : 24 Marzo 2019

ANCONA : 15 Aprile 2019

MESTRE : 11 Maggio 2019

MESSINA : 15 Giugno 2019

PALERMO : 17 Giugno 2019

CAGLIARI : 7 Agosto 2019

SALERNO : 12 Ottobre 2019

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next

PROFESSIONISTI VINCENTI

24-09-2018

PROFESSIONISTI VINCENTI

PROFESSIONISTI VINCENTI: I CONSULENTI HACCP. COME DIVENTARLO?   Ogni giorno dal Ministero della Salute italiano si registrano avvisi, a volte allarmi, sulla sicurezza alimentare di alcuni prodotti che troviamo, ad esempio, in...

Read more

RESPONSABILE ASSICURAZIONE QUALITA’ ALIM…

26-07-2018

RESPONSABILE ASSICURAZIONE QUALITA’ ALIMENTARE

          CHE COSA FA IL RESPONSABILE ASSICURAZIONE QUALITA’ ALIMENTARE?       Una delle figure lavorative impiegate all’interno della filiera agroalimentare è quella del Responsabile Assicurazione Qualità Alimentare, professione fondamentale per le aziende e le...

Read more

MOCA

18-07-2018

MOCA

      MATERIALI DESTINATI A VENIRE A CONTATTO   CON GLI ALIMENTI (MOCA)       Tra i potenziali pericoli per la sicurezza degli alimenti vi sono anche i materiali che vengono impiegati per proteggerli nelle varie...

Read more

ALLERTE ALIMENTARI

18-07-2018

      ALLERTE ALIMENTARI       Che cos'è il Sistema di allerta RASFF?   Consulta il Portale europeo delle allerta alimentari   Consulta il nuovo Portale italiano “Pubblicazione richiami” (operativo dal 01/01/2017 sul sito del Ministero della Salute)    

Read more

Legge sui sacchetti biodegradabili

09-03-2018

Legge sui sacchetti biodegradabili

    Ecco come funziona la legge sui sacchetti biodegradabili   Dopo l’introduzione è ancora incertezza fra i consumatori sull’obbligo di usare i soli sacchetti biodegradabili a pagamento per pesare e prezzare le merci...

Read more