DAL MINISTERO NUOVE PROCEDURE PER IL RICHIAMO DI PRODOTTI NON CONFORMI.

La Direzione Generale per l'Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la nutrizione del Ministero della salute ha diramato una nota sulle procedure, concordate con gli assessorati regionali alla sanità, per il richiamo di prodotti alimentari non conformi ai requisiti di sicurezza, previsti dal Regolamento (CE) 178/2002, e annuncia l'avvio del sistema di pubblicazione dei dati inerenti i prodotti richiamati a partire dal 1 gennaio 2017.

Il Regolamento (CE) 178/2002 stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare, il Sistema di allarme rapido per la notificazione di un rischio diretto o indiretto per la salute umana dovuto ad alimenti o mangimi e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare.

Prevede procedure, non solo per la rintracciabilità (possibilità di ricostruire e seguire il percorso di un alimento) e il ritiro (qualsiasi misura volta a impedire la distribuzione al
consumatore di un prodotto non conforme ai requisiti di sicurezza alimentare), ma anche per il richiamo dell'alimento non considerato sicuro nel caso sia stato già avviato al consumo da parte dell'operatore del settore alimentare (OSA) che, per la normativa europea è il responsabile della sicurezza dei prodotti immessi sul mercato.

Le indicazioni minime che il richiamo deve contenere per agevole il consumatore nell'individuazione del prodotto oggetto di richiamo:

- denominazione di vendita;
- marchio del prodotto;
- nome o ragione sociale dell'OSA a nome del quale il prodotto è commercializzato;
- lotto di produzione;
- marchio di identificazione dello stabilimento, ove applicabile;
- nome del produttore e sede dello stabilimento;
- data di scadenza o termine minimo di conservazione;
- descrizione peso/volume unità di vendita;
- motivo del richiamo: descrizione precisa del pericolo che ha determinato il richiamo del prodotto. Si ritiene infatti che un'indicazione generica, del tipo "prodotto non conforme", non sia sufficiente a soddisfare il requisito di accuratezza dell'informazione dettato dall'articolo 19 del Regolamento (CE) 178/2002;
- le istruzioni al consumatore per la gestione del prodotto acquistato, nonché ulteriori eventuali avvertenze, incluse le modalità per contattare l'assistenza clienti (numero verde, indirizzo e-mail, ecc.)
- fotografia del prodotto, così come si presenta al consumatore all'atto dell'acquisto.

La comunicazione di richiamo deve avvenire mediante apposizione di cartellonistica presso i punti vendita interessati e almeno tramite una delle seguenti modalità:

- Pubblicazione del richiamo sul proprio sito
- Pubblicazione del richiamo su social network

Nel caso di eventuale mancanza di un sito internet o di una pagina nei social media dell'OSA, sarà sufficiente il comunicato di richiamo pubblicato sull'apposita pagina del portale del Ministero pensata, in generale, per garantire ai consumatori un più ampio e tempestivo accesso alle informazioni. E' stato infatti stato implementato un sistema che consente la pubblicazione dei richiami sul sito web del Ministero direttamente da parte delle Regioni o, su disposizione regionale, da parte delle AASSLL.

Il sistema diverrà operativo a partire dal 1 gennaio 2017.

Diverso dal richiamo è l'avviso di sicurezza cioè quella forma di comunicazione utilizzata dal Ministero della Salute che riporta informazioni basate su fonti ufficiali, divulgata a scopo precauzionale e a fini di tutela della salute pubblica. L'avviso di sicurezza, in termini generali, è diramato sotto forma di pagina web e/o di comunicato stampa, non è sostitutivo del richiamo e,
pertanto, non assolve l'OSA dall'obbligo di effettuarlo.

Nella nota il Ministero della salute descrive le modalità operative per soddisfare i requisiti di efficacia ed accuratezza delle informazioni fornite al consumatore in caso di richiamo di un prodotto e descrive le procedure da seguire a seconda che sia stata appurata la sussistenza di un grave rischio per la salute umana o sia necessaria una valutazione del rischio, per decidere se adottare o no misure rapide a tutela della salute.

[Fonte: Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva]


CORSI HACCP

LAMEZIA TERME: 16 Febbraio 2019

NAPOLI: 23 Febbraio 2019

PERUGIA : 24 Marzo 2019

ROMA: 13 Aprile 2019

ANCONA : 15 Aprile 2019

MESTRE : 11 Maggio 2019

MILANO: 13 Maggio 2019

MESSINA : 15 Giugno 2019

PALERMO : 17 Giugno 2019

CAGLIARI : 7 Agosto 2019

SALERNO : 12 Ottobre 2019

BARI: 19 Ottobre 2019

BOLOGNA: 9 Novembre 2019

FIRENZE: 10 Novembre 2019

TORINO : 2 Dicembre 2019

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next

AUDIT FSSC 22000

05-11-2018

AUDIT FSSC 22000

  AUDIT FSSC 22000, DA GENNAIO OBBLIGATORI SECONDO LA NUOVA VERSIONE 4.1           A partire dall’1 gennaio 2018, per gli audit secondo la FSSC 22000, standard di riferimento per la trasformazione alimentare, sarà...

Read more

ISO 22000

05-11-2018

ISO 22000

    ISO 22000: PUBBLICATA LA NUOVA EDIZIONE!       Una produzione alimentare sicura e sostenibile è oggi una delle nostre maggiori sfide poiché i rischi possono verificarsi in qualsiasi fase del processo. La sicurezza...

Read more

STANDARD IFS

04-11-2018

STANDARD IFS

PUBBLICATA NUOVA VERSIONE DELLO STANDARD IFS: GUIDA COMPLETA A TUTTE LE NOVITA’ Le certificazioni volontarie nel settore agroalimentare hanno visto una netta crescita nel corso di questi ultimi anni, svolgendo...

Read more

STANDARD BRC

04-11-2018

STANDARD BRC

    PUBBLICATA NUOVA VERSIONE DELLO STANDARD BRC: GUIDA COMPLETA A TUTTE LE NOVITA’ Il nuovo standard BRC Food versione 8 è stato pubblicato sul sito ufficiale: brcglobalstandards Le variazioni del nuovo standard...

Read more

PROFESSIONISTI VINCENTI

24-09-2018

PROFESSIONISTI VINCENTI

PROFESSIONISTI VINCENTI: I CONSULENTI HACCP. COME DIVENTARLO?   Ogni giorno dal Ministero della Salute italiano si registrano avvisi, a volte allarmi, sulla sicurezza alimentare di alcuni prodotti che troviamo, ad esempio, in...

Read more