Come entrare nei NAS dei Carabinieri:

 

tutto quello che c’è da sapere

 

 

 

Prima di vedere come entrare nei NAS dei Carabinieri, vediamo di capire quali sono i compiti e le funzioni del personale che fa parte di questo reparto speciale dell’Arma dei Carabinieri.

 

Il NAS, ovvero il Comando per la tutela della salute dell’Arma dei Carabinieri, è un dipartimento speciale dell’Arma dei Carabinieri che opera sotto la supervisione del Ministero della Salute. Obiettivo del NAS è quello di proteggere la salute pubblica attraverso ispezioni sanitarie, investigazioni e controlli in caso di adulterazione di alimenti, frodi e traffico illegale di medicinali. Tra i compiti principali di questo reparto speciale dell’Arma, inoltre, vi è quello di effettuare ispezioni nelle aziende, controlli sul rispetto del protocollo HACCP (Hazard analysis and critical control points), fare attività di campionamento per l’analisi dei prodotti e rilasciare autorizzazioni.

 

Addentrandoci maggiormente nell’organizzazione di questo reparto, il NAS dei Carabinieri si articola in:

 

  • un Comando Centrale, alle dipendenze funzionali del Ministro della Salute, retto da un Generale di Brigata/Divisione, con sede in Roma;

  • un Vice Comandante retto da un Colonnello, responsabile dell’organizzazione diretta. Dal Vice Comandante dipende anche un Reparto Analisi, retto da un Capitano dell’Arma dei Carabinieri, strutturato nelle seguenti sezioni:
    – criminalità alimentare e farmaceutica
    – pianificazioni e valutazione rischi
    – controlli antidoping

  • un Ufficio Comando, retto da un Maggiore o Tenente Colonnello, costituito dalle seguenti sezioni/squadre:
    – sezione personale
    – sezione operazioni
    – sezione addestramento e studi
    – sezione logistica
    – squadra servizi

  • 3 Comandi di gruppo Tutela della Salute retti da Ufficiali Superiori, ma posti alle dirette dipendenze del Vice Comandante, con sede a Milano, Roma e Napoli

  • 38 Nuclei Antisofisticazioni e Sanità (NAS), organi esecutivi comandati da Ufficiali Subalterni o Ispettori, ma posti alle dipendenze dei rispettivi Comandi dei gruppi TS, con competenza regionale o interprovinciale, dislocati nei seguenti luoghi: Milano, Alessandria, Aosta, Brescia, Cremona, Genova, Padova, Torino, Trento, Treviso, Udine (gerarchicamente dipendenti dal Gruppo T.S. di Milano); Roma, Ancona, Bologna, Cagliari, Firenze, Latina, Livorno, Parma, Perugia, Pescara, Sassari e Viterbo (gerarchicamente dipendenti dal Gruppo T.S. di Roma); Napoli, Bari, Campobasso, Catania, Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, Palermo, Potenza, Caserta, Ragusa, Salerno, Taranto, Lecce e Foggia (gerarchicamente dipendenti dal Gruppo T.S. di Napoli)

 

I NAS hanno il potere di intervento in tutti i luoghi dove si producono, si somministrano, si depositano o si vendono prodotti destinati all’alimentazione. La loro formazione e il loro modus operandi è piuttosto specifico: le indagini nel settore delle sofisticazioni alimentari, data la peculiarità degli illeciti che si perseguono, sono condotte con criteri operativi che differiscono sostanzialmente dalle normali tecniche di polizia giudiziaria. Fra gli altri compiti vi è anche il contrasto al traffico ed alla distribuzione illegale di medicinali e loro contraffazione ed il controllo sull’uso illegale di anabolizzanti e altre sostanze farmacologicamente attive negli allevamenti di animali, nonché il contrasto al commercio illegale di prodotti di provenienza extra-comunitaria, pericolosi per la salute dei consumatori, in quanto realizzati e posti in vendita senza il rispetto dei requisiti di legge.

 

Come entrare nei NAS dei Carabinieri

 

Dopo aver fatto questa breve panoramica su questo reparto speciale dell’Arma dei Carabinieri che tanto sembra attirare l’interesse dei giovani che vogliono avviarsi ad una carriera in questa Forza, vediamo ora come entrare nei NAS dei Carabinieri.

 

In primis, dobbiamo mettere in chiaro che per entrare nei NAS dei Carabinieri è necessario essere arruolati nell’Arma dei Carabinieri, ricoprendo qualunque ruolo o grado nella piramide gerarchica di questa Amministrazione in divisa. Bisogna quindi, innanzitutto, partecipare ai Concorsi di selezione che danno accesso alla carriera nell’Arma dei Carabinieri, o come Carabiniere, o come Maresciallo o come Ufficiale. Come abbiamo più volte detto in questo blog, per partecipare ai Concorsi di selezione per entrare nell’Arma dei Carabinieri, è necessario che i candidati siano in possesso di determinati requisiti e che superino tutte le prove concorsuali previste nei bandi di concorso.

 

Una volta all’interno dell’Arma dei Carabinieri, è possibile fare richiesta per entrare nei NAS. Ma come fare la domanda per essere assegnati a questo Nucleo? Dopo alcuni anni di servizio effettivo è possibile aderire ad apposita interpellanza interna, pubblicata solitamente una volta all’anno (o, comunque, quando le ragioni di organico lo richiedano), previa verifica del possesso degli specifici requisiti richiesti ed indicati nell’interpellanza stessa, all’atto della sua diramazione. Solitamente vengono incorporati nei NAS solo gli Ufficiali e i Sottoufficiali, mentre i Carabinieri appartenente al ruolo di Appuntati e Carabinieri possono chiedere l’assegnazione al Comando Tutela della Salute per svolgere funzioni complementari ai NAS.

 

Come entrare nei NAS dei Carabinieri: la formazione del personale

 

Dopo aver fatto richiesta per entrare nei NAS dei Carabinieri, l’Amministrazione in divisa verifica che ogni candidato che aspira ad entrare in questo reparto speciale dell’Arma dei Carabinieri sia in possesso di determinati requisiti necessari per epletare i compiti e le funzioni relative a questo ruolo, tra i quali particolare importanza viene dato al titolo di studio nelle materie tecniche e nell’aver maturato esperienze investigative. I candidati ritenuti idonei sono chiamati a svolgere un corso formativo bimestrale. Successivamente, a seguito di specifico corso di qualificazione, il militare viene destinato presso uno dei NAS dislocati sul territorio nazionale.

 

Il personale di questo reparto, considerato tra le eccellenze dell’Arma dei Carabinieri, viene costantemente aggiornato attraverso corsi e seminari a cui partecipano docenti e ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità. Il punto di forza dei NAS, oltre naturalmente alla professionalità qualificatissima del suo personale, è data dalla stretta collaborazione con altri comandi dell’Arma, come il Comando Carabinieri Politiche Agricole o il Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente.

 

Fonte: Concorsi Carabinieri

 


CORSI HACCP

CAGLIARI : 5 Agosto 2020

SALERNO : 10 Ottobre 2020

BARI: 17 Ottobre 2020

BOLOGNA: 7 Novembre 2020

FIRENZE: 9 Novembre 2020

TORINO : 30 Novembre 2020

LAMEZIA T.: 13 Febbraio 2021

CATANIA: 15 Febbraio 2021

NAPOLI: 27 Febbraio 2021

PERUGIA : 21 Marzo 2021

ROMA: 17 Aprile 2021

ANCONA : 19 Aprile 2021

MESTRE : 15 Maggio 2021

MILANO: 17 Maggio 2021

MESSINA : 12 Giugno 2021

PALERMO : 14 Giugno 2021

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next

CORONAVIRUS

30-03-2020

CORSO CONSULENTE HACCP & MISURE A TUTELA DELLA SALUTE DEI NOSTRI CORSISTI INERENTI LA GESTIONE DEL CORONAVIRUSGentili CORSISTI & “FUTURI” CONSULENTI HACCP,HACCP System Group & il gruppoparise è con Voi...

Read more

Come entrare nei NAS dei Carabinieri

21-01-2020

Come entrare nei NAS dei Carabinieri

    Come entrare nei NAS dei Carabinieri:   tutto quello che c’è da sapere       Prima di vedere come entrare nei NAS dei Carabinieri, vediamo di capire quali sono i compiti e le funzioni...

Read more

FSSC 22000 VERSIONE 5

12-08-2019

FSSC 22000: PUBBLICATA LA VERSIONE 5 DELLO STANDARD   La Fondazione FSSC 22000 ha presentato la nuova versione 5 dello schema di certificazione FSSC 22000. Questa nuova edizione incorpora tutti i...

Read more

ISO 22005

12-08-2019

  ISO 22005   Che cos'è La ISO 22005 recepisce le norme italiane UNI 10939:01 relativa a “Sistema di rintracciabilità nelle filiere agroalimentari” e UNI 11020:02 relativa “sistema di rintracciabilità nelle aziende agroalimentari”...

Read more

AUDIT FSSC 22000

05-11-2018

AUDIT FSSC 22000, DA GENNAIO OBBLIGATORI SECONDO LA NUOVA VERSIONE 4.1   A partire dall’1 gennaio 2018, per gli audit secondo la FSSC 22000, standard di riferimento per la trasformazione alimentare, sarà...

Read more